Comprendere il ciclo di vita dei pagamenti con carta

Pagamenti

0 MINUTI DI LETTURA

Il ciclo di vita del pagamento - o ciclo di vita della transazione con carta - si riferisce a ciò che accade quando viene utilizzata una carta di credito o di debito. Ecco cosa succede dietro le quinte quando un cliente paga con una carta su un sito di e-commerce.

Il famoso scrittore di fantascienza Arthur C Clarke ha detto che qualsiasi tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia. 

L'elemento "magico" delle carte di credito non è tanto la tecnologia avanzata, anche se è piuttosto impressionante e certamente un argomento da affrontare in un'altra occasione, quanto piuttosto la proposta di base.

In questo articolo spieghiamo:

  • Perché le carte di pagamento sono fantastiche
  • Tutto il who’s who e cosa fanno
  • Come funzionano i pagamenti online tramite carta
  • Come il denaro si muove e finisce nel posto giusto
  • Come gli esercenti ottengono il meglio dai loro dati di pagamento

Perché le carte di pagamento sono fantastiche?

Le carte permettono alle aziende di vendere a sconosciuti, sapendo che saranno pagati, a patto che abbiano fatto le cose per bene.

Grazie a esse aziende sono pronte a lasciare che i clienti se ne vadano in giro con le proprie auto a noleggio. O che spingano i carrelli della propria spesa fuori dai supermercati. O ordinino merci a domicilio, anche da altri Paese. Il tutto sulla base di un messaggio elettronico che dice "approvato".

Sembra una magia, ma c'è di più.

Le carte funzionano anche quando le aziende e i clienti non sono compresenti al momento della transazione, che può avvenire ad esempio su Internet, al telefono e per corrispondenza. E anche quando sono nello stesso posto, sembra che sia sufficiente agitare un telefono cellulare, un portachiavi o un braccialetto presso un terminale per far uscire i clienti con la merce.

Come?

Il settore è affezionato a termini come "ciclo di vita delle transazioni con carta", "elaborazione delle transazioni" e "ciclo di vita dei pagamenti". In sostanza, questi termini descrivono ciò che accade dietro le quinte nei millisecondi che precedono l'approvazione di un pagamento.

Ti spiegheremo esattamente cosa succede, come il denaro si muove e finisce nel posto giusto. Ma prima di tutto, diamo un'occhiata a chi fa cosa perché i pagamenti con carta si possano perfezionare.

Chi sono i protagonisti del ciclo di vita del pagamento e cosa fanno?

Le parti coinvolte in un pagamento con carta sono molte. Le quattro principali sono: 

  • L'esercente: Chi accetta le carte per effettuare vendite
  • L'acquirer: Chi permette agli esercenti di accettare pagamenti per beni e servizi.
  • Il titolare della carta: Chi utilizza la carta per effettuare acquisti
  • L'emittente: chi fornisce ai clienti le carte. 

Ecco perché in questo contesto si sente spesso parlare di modello "quadripartito" o "four-party model" (o four-corner). Visa e Mastercard utilizzano un modello a quattro parti. 

In quanto circuiti o reti di carte, si trovano al centro, collegando gli emittenti e gli acquirer partecipanti. Non emettono carte ai titolari e non collocano terminali presso gli esercenti per l'acquisizione delle transazioni. Sono le banche e le istituzioni finanziarie a farlo.

I circuiti di carte stabiliscono le regole, gestiscono la rete di pagamento e promuovono i loro brand. Questo aiuta il sistema a funzionare in modo coerente e a creare fiducia nel sistema. Di conseguenza, le persone vorranno utilizzare e accettare le loro carte. E le aziende saranno disposte ad accettarle.

Altre parti possono essere coinvolte in un pagamento con carta, di solito fornendo servizi a una delle quattro parti principali. Ad esempio, un esercente può utilizzare un gateway di pagamento per raccogliere i dati della carta del cliente dal proprio sito web e passarli a un acquirer.

Per completezza, Amex utilizza un modello a tre parti. L'azienda emette carte di credito brandizzate Amex e si rivolge direttamente agli esercenti affinché accettino queste carte.

Come funzionano i pagamenti online con carta?

L'accettazione di pagamenti con carta su un sito web è simile a quella in-store. Entrambi richiedono che il cliente inserisca i propri dati in un terminale per carte. Per le vendite in-store, faccia a faccia, gli esercenti utilizzano terminali fisici per accettare le carte. Mentre online il cliente inserisce i propri dati in una pagina di checkout che funge da sostituto del terminale virtuale. 

Tuttavia, per i pagamenti a distanza, noti anche come pagamenti "senza carta" o "con carta assente", o per i pagamenti in-store, le domande a cui l'esercente deve rispondere sono le stesse:

  1. Il titolare della carta è chi dice di essere? 
  2. È in grado di pagare? 

Usando la terminologia di settore, si parla di "autenticazione" e "autorizzazione".

Come fa il denaro a muoversi e a finire nel posto giusto?

In sostanza, i circuiti di carte gestiscono un gigantesco libro mastro digitale per garantire che i fondi finiscano nel posto giusto. Ricordiamo che si trovano al centro del modello quadripartito, collegando gli emittenti e gli acquirer partecipanti.

Alla fine della giornata lavorativa, gli esercenti inviano tutte le transazioni effettuate con la carta al loro acquirer, direttamente o tramite un gateway di pagamento.

L'acquirer le invia al relativo circuito di carte. Dietro le quinte, il circuito di carte accredita l'acquirer e addebita i vari emittenti, le banche e gli istituti finanziari che hanno emesso le carte ai clienti degli esercenti.

Il momento esatto in cui gli acquirer accreditano i fondi agli esercenti dipende dal contratto stipulato tra l'esercente e l'acquirer. Alcuni regolano i fondi giornalmente o 2-3 giorni dopo la vendita. Altri lo fanno prima. Alcuni pagano le commissioni e gli oneri al lordo, altri al netto. 

La rapidità con cui il titolare della carta paga i propri acquisti dipende dal tipo di carta. 

Le carte prepagate si basano sul versamento anticipato dei fondi sulla carta da parte del titolare. Con le carte di debito, il pagamento viene prelevato immediatamente dal conto del titolare della carta. Con le carte di credito, di addebito o di addebito differito, il titolare può pagare dopo. Le carte commerciali possono essere utilizzate per effettuare acquisti business-to-business ai fornitori. Vengono impostate come carte prepagate, di debito o di credito a pagamento differito.

Come ottenere il meglio dai dati di pagamento?

Puoi imparare molto sui tuoi clienti prima, durante e dopo il pagamento. A patto che tu abbia i dati giusti, naturalmente.

Tra le cose che puoi scoprire ci sono l'ammontare della spesa e la frequenza degli acquisti. Ma anche dove si trovano e quali dispositivi utilizzano. Senza contare i loro gusti e le loro preferenze, come anche i canali e i metodi di pagamento che preferiscono.

Queste informazioni ti aiuteranno a personalizzare il servizio e le offerte, a individuare le frodi, a diagnosticare i pagamenti rifiutati e a risolvere i problemi. Insomma, tutto quanto serve per ottenere maggior valore dalla tua azienda. La trasmissione di questi dati agli emittenti può anche creare esenzioni 3DS2, ove consentito, creando una customer experience più fluida.

Verifica come il tuo acquirer e/o gateway di pagamento archivia e struttura i dati di pagamento. E come li rendono disponibili. 

A seconda di come lo fanno, sarai in grado di determinare esattamente cosa sta accadendo in ogni dettaglio di ogni transazione. Il tutto, inoltre, deve funzionare con i tuoi sistemi interni, fornendoti così informazioni e raccomandazioni "pronte all'uso".

I pagamenti non si limitano ad accettare l'elaborazione di carte di credito o di debito. Scopri le ultime novità sulle principali tendenze dei pagamenti e come i pagamenti che non vanno a buon fine possono costare alla tua azienda milioni di dollari di mancati guadagni ogni anno.

Tieniti aggiornato su tutte le novità nel settore dei pagamenti

Scritto lunedì 12 gen 2023 da

author image

James Hayward

Content Marketing Manager, Checkout.com

Tieniti aggiornato su tutte le novità nel settore dei pagamenti