Tutto sulle commissioni di interscambio

Pagamenti

0 MINUTI DI LETTURA

Quello che la tua azienda deve sapere - e fare - sui prezzi di interchange++.

Capire il costo di una transazione è un parametro fondamentale per qualsiasi esercente. I diversi metodi di pagamento comportano costi diversi. Per i pagamenti con carta, uno dei più significativi è noto come "commissione interbancaria". Tuttavia, molti esercenti non hanno una visione chiara di cosa sia e di quanto costi loro. Questo rende più difficile gestire i costi in modo efficace e, di conseguenza, danneggia i margini di profitto.

In questo articolo torneremo alle basi e spiegheremo:

  • Che cos'è una commissione interbancaria
  • Come gli esercenti possono ottenere maggiore visibilità sulle commissioni interbancarie
  • Come ridurre le commissioni interbancarie

Cosa sono le commissioni interbancarie?

Le commissioni interbancarie sono commissioni di transazione che gli esercenti devono pagare alle banche emittenti delle carte ogni volta che i clienti utilizzano carte di credito o di debito per effettuare acquisti nei loro negozi. Le commissioni interbancarie coprono

  • i costi di gestione
  • le frodi
  • i costi dei crediti inesigibili
  • nonché il rischio legato all'approvazione dei pagamenti.

Tutte le banche emittenti si espongono a rischi quando danno le carte di credito ai consumatori; tuttavia, compensano tali rischi facendo pagare gli esercenti che accettano le loro carte.

Ricordiamo cosa succede quando si effettua un pagamento con carta. La banca dell'esercente (l'acquirer) invia una richiesta di pagamento alla banca del cliente (l'emittente) attraverso la rete della carta. La banca emittente esegue una serie di controlli per determinare se accettare o rifiutare la richiesta, soprattutto per assicurarsi che la carta non venga utilizzata in modo fraudolento e che il cliente abbia i fondi o il credito necessari sul proprio conto.

La banca emittente deposita quindi il denaro presso la banca acquirente, oppure invia una notifica di rifiuto. Anche se tutto questo avviene in un batter d'occhio, si tratta di un processo complesso per il quale la banca emittente viene pagata. Si tratta della cosiddetta commissione interbancaria.

In teoria, la commissione interbancaria viene addebitata dal circuito di carte alla banca acquirente. Tuttavia, l'operatore della carta passa questa commissione alle banche emittenti come incentivo per le banche a offrire e promuovere la propria carta rispetto alle altre. Per questo motivo la maggior parte delle persone intende la commissione interbancaria come se avvenisse tra la banca emittente e la banca affiliante. 

In pratica, la banca emittente trattiene il valore della commissione interbancaria e la banca acquirente si limita a trasferire il saldo quando deposita i fondi sul conto dell'esercente. Quindi, alla fine, è l'esercente a pagare il conto.

A quanto ammonta la commissione interbancaria?

Sebbene la commissione interbancaria sia "pagata" alla banca emittente, la tariffa è stabilita dalle reti di carte. La commissione interbancaria è composta da una percentuale del valore della transazione più una quota fissa. Non esiste un tasso standard. 

Le commissioni interbancarie variano invece in base a una serie di criteri, tra cui:

Circuiti di carte

I circuiti di carte (reti di carte) elaborano i pagamenti con carte di debito e di credito. Gestiscono le transazioni di pagamento secondo regole che permettono ai consumatori di utilizzare le loro carte presso terzi, come i rivenditori. 

La banca emittente e la banca affiliante devono essere membri della stessa rete della carta per poter effettuare il pagamento. Le reti di carte includono American Express, Mastercard, UnionPay e Visa. Poiché i circuiti di carte applicano commissioni interbancarie diverse, il costo per un consumatore che paga con una Mastercard non è lo stesso di un consumatore che paga con una Visa.

Carta di credito vs. carta di debito

In genere, le commissioni interbancarie per le carte di credito sono più alte di quelle per le carte di debito perché è più facile e più sicuro approvare le transazioni con le carte di debito. Il motivo è che i fondi per le transazioni con carta di debito provengono direttamente dai conti bancari collegati dei clienti ed è facile confermare che in tali conti vi siano fondi sufficienti a coprire i costi delle transazioni.

Carte premio

Le banche emittenti offrono anche carte a premio che includono una serie di vantaggi, come il cash back sugli acquisti o le miglia frequent flyer; le commissioni interbancarie sono generalmente più alte per le carte a premio, poiché l'aumento delle commissioni serve a pagare gli extra offerti dai programmi a premio. Le carte premio hanno un effetto particolarmente negativo sugli esercenti con piani tariffari differenziati.

Carta presente vs. carta non presente

Le commissioni di interscambio per le transazioni con carta non presente, cioè quelle online, telefoniche e per corrispondenza, sono significativamente più alte di quelle per le transazioni con carta presente, cioè quelle effettuate di persona, poiché il rischio di frode è minore quando gli esercenti possono vedere le carte dei consumatori. In genere, la tariffa di elaborazione totale applicata da un fornitore di servizi agli esercenti include i costi aggiuntivi per l'elaborazione di questi pagamenti.

Codice di categoria dell'esercente

Il settore dei pagamenti digitali utilizza codici di categoria degli esercenti (MCC) a quattro cifre per classificare le aziende in base ai tipi di beni o servizi che vendono. Le associazioni di carte di credito utilizzano gli MCC per classificare le commissioni interbancarie in base alle categorie commerciali, ad esempio fioristi, ristoranti, ferramenta, marketplace online, ecc. L'MCC assegnato a un'organizzazione può avere un impatto sulle sue commissioni interbancarie, in quanto le attività a più alto rischio, come le compagnie aeree, hanno in genere commissioni interbancarie più elevate. Gli esercenti possono trovare le tariffe attuali consultando i siti web dei circuiti di carte.

Protocolli di sicurezza utilizzati

Quanto più sicure sono le transazioni, tanto più basse sono le commissioni interbancarie. Negli Stati Uniti, il servizio di verifica dell'indirizzo e i codici di sicurezza della carta sono gli strumenti di prevenzione delle frodi più utilizzati. Tuttavia, poiché le frodi legate alle transazioni con carte non presenti continuano ad aumentare, i principali processori di carte di credito stanno sviluppando nuovi strumenti per ridurre il rischio di frode, come la Tokenize (token, tokenizzazione). Nell'aprile 2022, le principali associazioni di credito hanno iniziato ad applicare tariffe più basse agli esercenti che utilizzano la tokenize (token, tokenizzazione) e tariffe più alte a quelli che non la utilizzano.

Paese di transazione

Le commissioni di interscambio variano a seconda del Paese in cui avvengono le transazioni. Le commissioni interbancarie nei Paesi europei sono più basse che in Nord America. Una normativa europea limita le commissioni interbancarie per le carte di credito al consumo allo 0,3% del valore della transazione e per le carte di debito al consumo allo 0,2%. Il regolamento garantisce che le commissioni interbancarie siano limitate a un livello tale che i costi medi dei rivenditori non siano più alti per i pagamenti con carta che per quelli in contanti.

In Australia, il tetto per le commissioni interbancarie fisse di debito e prepagate è stato ridotto da 0,15 a 0,10 dollari a partire dal 1° febbraio 2022, mentre il tetto rimane allo 0,20% per le commissioni interbancarie di debito e prepagate basate sulla percentuale.

Negli Stati Uniti non esiste un limite alle commissioni interbancarie per i pagamenti con carta di credito; tuttavia, l'emendamento Durbin limita le commissioni interbancarie per i pagamenti con carta di debito a 0,22 dollari per transazione e a cinque punti base moltiplicati per il valore della transazione, solo nel caso in cui la carta sia emessa da banche con un patrimonio superiore a 10 miliardi di dollari.

Dove è stata emessa la carta

Se la banca acquirente e la banca emittente si trovano in paesi o giurisdizioni diverse, una commissione interbancaria più elevata rifletterà la maggiore complessità del processo di pagamento.

Anche il volume delle transazioni viene preso in considerazione, e i grandi esercenti si aspettano di negoziare commissioni interbancarie più basse. In altre parole, le commissioni interbancarie per gli esercenti possono variare e dipendono da cosa viene venduto, dove, come, da chi e a chi. La commissione interbancaria complessiva per ogni transazione è tecnicamente composta da centinaia di "mini" commissioni, il che può portare a problemi di trasparenza quando si parla di costi. 

Che cos'è la tariffazione interchange++?

La tariffazione Interchange++ è un tipo di tariffazione disponibile per i pagamenti. La tariffazione Interchange++ offre una maggiore trasparenza rispetto ad altri tipi di tariffazione, in quanto mostra agli esercenti una ripartizione dettagliata dei costi. Il prezzo Interchange ++ comprende due elementi: il primo più, che è la commissione dell'acquirer, e il secondo più, che è la commissione del circuito di carte. In genere, le commissioni del circuito di carte, che sono determinate da fattori quali il tipo di carta e di transazione, sono significativamente più basse delle commissioni di interscambio.

Gli esercenti più grandi tendono a utilizzare la tariffazione interchange++ perché offre una trasparenza totale sull'entità delle commissioni per ogni transazione. Se, ad esempio, un esercente osserva che molti dei suoi acquirenti utilizzano carte di debito, alle quali viene addebitata una commissione interbancaria inferiore a quella delle carte di credito, può modificare il proprio marketing per invitare i clienti a utilizzare quello specifico metodo di pagamento.

Il 48% degli esercenti non riceve dai propri fornitori di servizi di pagamento una ripartizione dettagliata dei costi di pagamento. Il passaggio a un fornitore che offre prezzi Interchange++ può aiutare gli esercenti a risolvere questo problema, offrendo loro una maggiore trasparenza sulle commissioni pagate.

Prezzi Interchange++ vs. prezzi misti

Un altro tipo di prezzo offerto dai processori di pagamento è il prezzo misto o standard, che raggruppa tutti i costi di elaborazione delle transazioni in un'unica commissione nota come Merchant Service Charge. Ciò significa che i processori di pagamento mescolano le commissioni di interscambio, le commissioni di schema e le commissioni di markup e le presentano agli esercenti come un'unica percentuale fissa.

Un vantaggio della tariffazione mista è che per gli esercenti è più facile da capire e da pianificare, perché sono coinvolte meno variabili. Tuttavia, il blended pricing è meno trasparente e rende più facile per le banche acquirer confondere le commissioni per ottenere maggiori profitti. 

Con un modello di pricing misto, agli esercenti viene addebitata una commissione per il gateway, che è un costo fisso per transazione, e una commissione variabile. La commissione variabile comprende il costo dell'interscambio, il costo dello schema e il mark up dell'acquirer. Gli esercenti, tuttavia, non sono in grado di vedere la suddivisione.

D'altro canto, Interchange++ offre agli esercenti una maggiore trasparenza sulle commissioni addebitate, consentendo loro di comprendere chiaramente il margine/profitto ottenuto dal fornitore di servizi di pagamento. Tuttavia, poiché Interchange++ è un modello passthrough, è soggetto a fluttuazioni dei costi.

Di seguito sono riportati i pro e i contro dell'utilizzo di un modello di miscelazione dei prezzi:

Pro:

  • Semplicità - Come suggerisce il nome, la tariffazione mista combina tutti i costi di elaborazione in un unico prezzo. Non avrai alcuna trasparenza sui costi effettivi maturati, ma potrai stimare con sicurezza quanto dovrai pagare in costi di transazione per un determinato livello di vendite.
  • Compensare i tassi di interscambio elevati - Le tariffe miste possono essere adatte se i tuoi prodotti hanno un valore medio dello scontrino elevato e una grande percentuale di vendite con carte Amex e carte premio. Queste condizioni possono spesso creare tassi di interscambio più elevati, quindi un costo misto può risultare più conveniente del costo della transazione, nel qual caso il fornitore può aumentare il tasso misto.
  • Vantaggi per le piccole imprese - Se non hai il tempo e le risorse per indagare e riconciliare l'elaborazione delle carte di credito e i tassi di interscambio, i tassi misti offrono una soluzione semplice e facile mentre la tua attività è operativa, consentendoti di concentrare la tua attenzione su altri aspetti della tua attività.

Contro:

  • Nessuna trasparenza sulle commissioni di transazione - I tassi di interscambio tipici delle carte di credito per i consumatori sono in media dell'1,83%, mentre i tassi di interscambio delle carte di debito possono variare dallo 0,05% allo 0,60%. Se una piccola percentuale dei clienti di un esercente utilizza carte di debito, il processore di pagamenti può guadagnare, ad esempio, dall'1% al 2% per transazione del tasso del 2,9% che viene addebitato all'esercente.
  • Flessibilità limitata sui prezzi - Le aziende che offrono prezzi misti possono iniziare con un prezzo standard per transazione. Poi, per ottenere le tariffe enterprise, dovranno raggiungere un volume di vendite molto più elevato con un minimo di vendite mensili online.
  • Costi nascosti - Spesso nei contratti possono essere nascosti costi mensili per il gateway, costi di configurazione o costi di conformità PCI.

Ecco alcuni pro e contro dell'utilizzo del modello di tariffazione interchange++:

Pro:

  • Trasparenza completa sulle commissioni di transazione - Gli esercenti sanno esattamente chi guadagna su ogni transazione che passa attraverso le loro piattaforme.
  • Tassi di transazione totali più bassi - Con tassi medi di interchange per le carte di credito dell'1,81%, tassi medi di associazione delle carte di credito dello 0,11% e commissioni medie di processore/gateway dello 0,10%-0,40% + 0,20 dollari, il tasso di transazione totale di un esercente per una carta di credito al consumo ammonterebbe al 2,02%-2,32% + 0,20 dollari per transazione rispetto al tasso misto tipico del 2,9% + 0,30 dollari. La differenza può rappresentare un enorme risparmio nel tempo, soprattutto per le aziende di grandi dimensioni.
  • Prezzi flessibili - Le aziende che offrono agli esercenti prezzi Interchange++ sono spesso disposte a lavorare con gli esercenti per adattare i prezzi alle loro esigenze specifiche. Spesso sono disposte a negoziare la commissione del processore dello 0,10%-0,40% se un esercente vende un articolo costoso o a ridurre la commissione di 0,20 dollari per transazione se il prodotto dell'esercente è relativamente più economico, per ridurre la tariffa complessiva dell'esercente.

Contro:

  • Tassi di interscambio elevati - Le carte American Express e le carte di stato possono avere tassi di interscambio costantemente superiori al 2,0%. Se un esercente vende un prodotto con un elevato valore medio dello scontrino, è più probabile che i consumatori utilizzino le carte Amex o le carte premio con tassi di interscambio superiori al 2,0%.
  • Tassi variabili per transazione - Con le diverse commissioni interbancarie e di associazione delle carte per ogni transazione, il tasso di elaborazione totale per ogni acquisto sarà diverso.

Quale modello di prezzo offre Checkout.com? 

Checkout.com utilizza il modello di prezzo trasparente interchange++, fatturando le transazioni individualmente in modo da non avere costi nascosti o aggiuntivi. 

Dopo aver lavorato con un altro fornitore di pagamenti internazionali che offriva il modello di prezzo misto, Buycycle, un marketplace che permette di comprare e vendere biciclette usate, si è rivolto a Checkout.com perché voleva capire per cosa stava pagando.

Sebbene i fondatori di Buycycle ritenessero che le commissioni di pagamento fossero molto elevate, non potevano fare molto al riguardo, poiché il loro fornitore di pagamenti utilizzava un modello di prezzi misti e quindi il team non era in grado di determinare esattamente la provenienza delle spese. Tuttavia, da quando lavora con Checkout.com, che utilizza interchange++, Buycycle ha ottenuto una completa trasparenza sulle commissioni delle transazioni.

Le commissioni di interscambio possono essere ineluttabili, ma non lo è l'importo che gli esercenti pagano. Le commissioni, apparentemente piccole, si sommano rapidamente e possono diventare un freno alla crescita, soprattutto per gli esercenti più piccoli con margini ridotti. Per le aziende più grandi, l'ignoranza delle commissioni di interscambio per gli esercenti può significare milioni di euro di costi evitabili. Ma, come abbiamo visto per altri aspetti dei pagamenti, gli esercenti più innovativi considereranno le commissioni interbancarie non solo come un modo per risparmiare, ma utilizzeranno anche la maggiore trasparenza e gli approfondimenti di interchange++ come un'opportunità per prendere decisioni di ampio respiro e più intelligenti basate sui dati.

Visita la nostra pagina dei prodotti per l'elaborazione dei pagamenti o contattaci per saperne di più sui prodotti e sui prezzi di Checkout.com.

Tieniti aggiornato su tutte le novità nel settore dei pagamenti

Scritto lunedì 12 gen 2023 da

author image

Checkout.com

Tieniti aggiornato su tutte le novità nel settore dei pagamenti